CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1.
Generalità. Le condizioni generali di vendita, qui di seguito riportate, si intendono valide per qualsiasi ordine pervenuto alla COLMA SRL e costituiscono parte essenziale di ciascun ordine. Eventuali modifiche alle presenti clausole nonché eventuali condizioni particolari dovranno essere espressamente concordate per iscritto. L’azienda si riserva il diritto di aggiungere, modificare o eliminare qualsiasi previsione delle presenti condizioni di vendita, restando inteso che tali aggiunte, modifiche o cancellazioni si applicheranno a tutte le vendite concluse a partire dalla notifica al cliente delle nuove condizioni di vendita.
2.
Obblighi della COLMA SRL. L’azienda garantisce che i prodotti commercializzati sono conformi alle caratteristiche tecniche riportate nei suoi cataloghi, in vigore al momento della vendita.
3.
Modalità di ordinazione. Gli ordini devono pervenire alla COLMA SRL mediante: distinta ordine – fax –e.mail – posta - agente – con indicazione di tutti gli elementi necessari per individuare con precisione la merce richiesta. Per eventuali ordini telefonici, il committente è tenuto a comunicare le generalità (cognome e nome) della persona richiedente; in mancanza di ciò, l’ordine non verrà evaso.
4.
Accettazione. L’accettazione, mediante firma del documento di trasporto e/o fattura accompagnatoria, vale come conferma d’ordine.
5.
Tolleranze e parametri. Secondo normativa UNI EN 12020-02.
6.
Danneggiamento-reclami-resi. Le forniture sono soggette ai margini di tolleranza generalmente accettati rispetto a dimensioni e peso. Il cliente è tenuto a controllare la merce immediatamente all’atto della consegna al fine di verificare eventuali danneggiamenti o difetti della stessa. I reclami dovranno essere comunicati per lettera o via fax entro e non oltre 8 (sette) giorni dal ricevimento della merce, la quale dovrà essere tenuta a disposizione per eventuali controlli. Queste condizioni, ove difetti ed errori siano a noi imputati, non daranno diritti ai committenti a qualsiasi pretesa di danni, bensì unicamente ad ottenere sostituzione del materiale/merce danneggiato o difettato. La restituzione della merce deve essere preventivamente autorizzata dalla COLMA SRL. Contestazioni sullo stato di arrivo della merce e su eventuali differenze di peso dovranno essere fatte al vettore all’atto della consegna. La COLMA SRL non risponde di  eventuali difetti imputabili ad accoppiamenti non eseguiti nei propri stabilimenti. In ogni caso ogni reclamo non potrà in alcun caso giustificare la sospensione o il ritardo nel pagamento.
7.
Termini di consegna. I termini di consegna hanno carattere puramente indicativo e non hanno valore contrattuale. Eventuali ritardi non daranno diritto al committente di avanzare qualsiasi pretese di danno o di interessi. Ci riserviamo il diritto, nel caso di scioperi, incendi, guasti di macchinari, interruzione nella fornitura di materie prime e in qualsiasi caso fortuito o di forza maggiore, che impedisca o limiti il normale andamento della produzione, sia di propagare adeguatamente i tempi di consegna stabiliti, sia di annullare parzialmente o totalmente le ordinazioni ricevute, senza che il cliente possa pretendere compensi per danni subiti in conseguenza di ritardi o di mancate consegne.
8.
Trasporto. La merce viaggia a rischio e pericolo del committente, anche se venduta franco destino, il quale, nel proprio interesse, deve verificare, prima del ritiro, l’integrità dei colli e la quantità della merce ricevuta. Eventuali reclami dovranno essere avanzati direttamente al vettore al momento della consegna.
9.
Imballaggio. Eccetto diverso accordo, l’acquirente è tenuto a farsi carico dello smaltimento dei materiali dell’imballaggio e degli elementi di protezione, sicurezza e fissaggio da utilizzarsi nelle operazioni di trasporto dei prodotti. Qualora l’acquirente non adempia a tale obbligo e, a causa di ciò, il venditore ne diventi responsabile, l’acquirente è tenuto a manlevare e tenere indenne il venditore da ogni responsabilità e da ogni conseguenzapregiudizievole. Sono a carico dell’acquirente i costi di smaltimento (distruzione, riciclaggio, stoccaggio, ecc.) degli imballaggi e degli altri elementi sopra indicati.